49.

Siamo ciò che facciamo, e non chi diciamo d’essere.
Questo è qualcosa in cui credo fermamente.

Annunci

37 pensieri su “49.

    • In tal caso, chi saresti? Una pallida e sbiadita copia di un qualcosa che non c’è.

      Ma cmq è un’opzione che non metto in conto, perché c’è sempre la possibilità di riuscire a dimostrare chi siamo.

  1. Sarei magari persona condizionata e consapevole del suo condizionamento.
    Secondo me è più “se stessa” una persona che *non fa* consapevole delle proprie resistenze, piuttosto che una persona che *fa* forzandosi, senza alcuna coscienza di sé.
    Sarà contorto, ma per me è così :)

    • Per utilizzare una citazione nerd: “Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica”

      Ecco, per me è vero. Molte volte ci si illude di essere una determinata persona o in un determinato modo, ma nelle azioni poi pecchiamo di coerenza. È quello che facciamo, il concreto, il tangibile che rivela chi e/o cosa siamo realmente.
      E il “condizionamento” o “il non riuscire” le reputo semplicemente delle scuse per non ammettere o riconoscere i nostri limiti e la nostra natura.

      • Sì, ho capito, anche perché è così che la pensano tutti.
        Io non sono d’accordo. Credo sia un modo di pensare efficace per raggiungere qualche obiettivo nel breve termine (e già ci sarebbe da chiedersi se e in che misura certi obiettivi ci appartengano veramente), ma che alla lunga portino soprattutto a chiusura e violenza verso se stessi. Ma certo: just my two cents :)

      • Io invece ho sempre avuto su questo le idee vaganti, ma perché io son quel tipo di persona che s’è trovata, in certi casi, a comportarsi al di là di come sarebbe stato da lei. Son più quella il cui giudizio diventa definitivo solo andando a capire le meccaniche, i retroscena ed i perché; la mia prima impressione davanti ad un’azione può cambiare fino a prova definitiva, insomma.
        Purtroppo credo di sostenere quella Filosofia del Dipende che rende tutto un po’ relativo, un po’ tutto e niente.
        Perciò non credo il tuo sia un difetto, per lo meno ammiro la tua fermezza.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...